Visite guidate Pompei, Ercolano, Napoli...

Prenota una Guida turistica per la tua visita

www.gaiaguide.it - info@gaiaguide.it

Mobile Phone: +39 3351737698 +39 3402709553

Articoli archiviati

In occasione della domenica ad ingresso gratuito, nei siti monumentali statali italiani, si organizza, per il giorno 5 febbraio 2017, una visita guidata al parco archeologico di Pompei.
Il percorso, a cura di una guida ufficiale Regione Campania, avrà una durata di circa 2,30 ore e permetterà di coniugare la visita delle strutture private e pubbliche della colonia romana, sepolta dall’eruzione del vulcano Vesuvio nel 79 d.C..
Le abitazioni, per comprendere la tipica architettura di una domus ed ammirare affreschi e mosaici. Le botteghe, che testimoniano la fiorente attività commerciale della città. Il foro, piazza cittadina, centro pulsante della vita politica, economica e religiosa. Inoltre si avrà modo di vedere i suggestivi calchi delle vittime dell’eruzione, che ci restituiscono, gli ultimi, tragici momenti di vita dei pompeiani.

Leggi tutto...

CASA DEI MOSAICI GEOMETRICI

Riapre al pubblico dopo un restauro completo delle strutture e degli apparati decorativi parietali e pavimentali il settore nord-occidentale dell’insula 2 della Regio VIII, affacciato sul Foro con i tre Edifici Civili e su via delle Scuole con il grandioso complesso residenziale della cosiddetta domus dei Mosaici Geometrici.


CASA DEI MOSAICI GEOMETRICI

Nota già dalla prima metà dell’Ottocento e riportata interamente in luce nei primi decenni del Novecento, la Casa del Mosaici Geometrici si presenta nella sua ultima fase di vita come un enorme complesso, dotato di oltre 60 ambienti articolati su terrazze che, appoggiandosi sulla cinta muraria e addossandosi ad essa, si affacciano in posizione panoramica sulla valle del Sarno. Il complesso nasce dalla fusione di più domus originariamente distinte, con ingresso da via delle Scuole, collegate mediante la realizzazione di un grandioso giardino porticato al piano terra e di corridoi, rampe e scale ai piani inferiori.
Indagini archeologiche condotte a partire dagli anni Trenta del Novecento fino ai saggi stratigrafici eseguiti nel corso del restauro ora concluso documentano le diverse fasi edilizie di queste strutture, il cui primo impianto risale al II secolo a.C., anche nel settore addossato alle mura di cinta, finora ritenuto assai più recente.
Il nome tradizionale della casa, domus dei Pavimenti a Mosaico o dei Mosaici Geometrici, è dovuto alla notevole quantità di mosaici conservati, sia monocromi bianchi sia a decoro geometrico bianco su fondo nero o nero su fondo bianco, come gli splendidi ornati a meandro delle due alae aperte sull’atrio. Ai mosaici, appartenenti all’ultimo periodo di vita della casa, si affiancano numerosi pavimenti in graniglia bianca di calcare e soprattutto in cocciopesto, risalenti a una fase più antica; alcuni, di particolare pregio, sono decorati con tessere disposte a disegnare motivi geometrici, come in un ambiente bipartito da un tramezzo, o vegetali, come il rosone centrale di un grande vano nordoccidentale.

Leggi tutto...

anfiteatro pompei

Il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo con il contributo della SIAE e in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, il Ministero della Difesa, il Ministero della Giustizia, il Ministero della Salute, l’Anci, la Conferenza delle Regioni, promuove, insieme all’AIPFM, la Festa della Musica del 21 giugno. Coinvolti enti locali, associazioni del settore, realtà del territorio per permettere a solisti, cori, orchestre, gruppi e bande musicali, artisti italiani, stranieri e nuovi italiani di esibirsi in oltre cento città aderenti. Piazze, strade, musei, parchi archeologici, case circondariali, consolati, ambasciate e ospedali diventeranno il palcoscenico naturale per tutti i musicisti che decideranno di partecipare a questo evento europeo, di cui la Rai è Main Media Partner e Rai Radio3 Media Partner. Il Mibact organizza diverse iniziative in alcuni dei più suggestivi luoghi della cultura statali, dove l’ingresso al museo includerà anche la possibilità di assistere a performance e concerti.

Presso gli Scavi di Pompei, il 21 giugno si inaugura la mostra fotografica sul film "Pink Floyd: Live at Pompeii" presso le Gallerie dell'Anfiteatro recentemente restaurate. Nel 1972, la già famosa band dei Pink Floyd, esegue un concerto nell’Anfiteatro di Pompei, con la sola presenza dello staff tecnico. Dalla registrazione il regista Adrian Maben ricava un film-concerto che diventerà una pietra miliare della storia del rock per gli effetti audio-visivi utilizzati in uno spazio vuoto.

Leggi tutto...

; Dedalo che dona a Pasifae la vacca di legno

Venerdì 23 dicembre 2016 è avvenuta la riapertura di parte della Casa dei Vettii e la messa in sicurezza dell’intera Regio VI agli Scavi di Pompei.

La casa, che era stata oggetto di vicende di restauro complesse che ne hanno compromesso per anni la visita, è stata sottoposta ad interventi di consolidamento che consentono oggi di poter riaprire gli ambienti di ingresso, l’atrio con i cubicula circostanti e il triclinio con la splendida serie di affreschi mitologici. Gli interventi negli ambienti restituiti alla fruizione hanno riguardato il rinforzo e il consolidamento dei pilastri dell'atrio, operazioni di restauro delle murature e revisione delle coperture esistenti, trattamento degli architravi e degli elementi in ferro, ripristino delle protezioni pavimentali e messa in sicurezza di tutti gli apparati decorativi.

Leggi tutto...

Mitoraj a Pompei

30 monumentali sculture dell’artista Igor Mitoraj trovano collocazione nell’area archeologica di Pompei. Una straordinaria mostra postuma dell’artista polacco - ma italiano d’adozione - che resterà visibile fino al 1 maggio 2017. Le maestose sculture in bronzo sono state collocate in diversi settori degli scavi, sotto la direzione artistica di Luca Pizzi dell’Atelier Mitoraj. Dal Tempio di Venere alla Basilica e al Foro, da Via dell’Abbondanza alle Terme Stabiane, dal Foro Triangolare fino al Quadriportico dei Teatri. Dopo il successo delle esposizioni nella Valle dei Templi di Agrigento e nei Mercati di Traiano di Roma, la mostra va a suggellare un binomio osmotico tra l’archeologia e la contemporaneità dell’arte del Maestro Mitoraj. Due realtà che finiscono col fondersi e col con-fondersi, senza mai sopraffarsi l’un l’altra, instaurando un legame dialettico armonioso che evidenzia e valorizza tanto la solennità storica degli scavi quanto le figure del maestro polacco. Gli imponenti ed eleganti personaggi scultorei convivranno quindi con le più famose architetture dell’antica Pompei: Dedalo e il Tempio di Venere, il Centauro e il Foro, il Centurione e le Terme Stabiane, Ikaro alato e il Foro triangolare.

Leggi tutto...

Anfiteatro Pompei

L’Anfiteatro di Pompei chiuderà temporaneamente al pubblico dal 15 giugno (dalle ore 18,30) fino al giorno 25 giugno, al fine di consentire gli interventi di disallestimento della Piramide sede temporanea della Mostra Mito e Natura che ha visto in esposizione reperti organici e affreschi di “Nature Morte”.
La Mostra che chiuderà il 15 giugno per la parte espositiva della Piramide, continua con l’itinerario tematico all’interno dell’area archeologica nelle domus di recente restauro che caratterizzate da splendidi giardini e spazi verdi appositamente risistemati o ripristinati.

Leggi tutto...

Pompei Online è un'idea di Tiberio Gracco
P.IVA 05674470652