Visite guidate Pompei, Ercolano, Napoli...

Prenota una Guida turistica per la tua visita

www.gaiaguide.it - info@gaiaguide.it

Mobile Phone: +39 3351737698 +39 3402709553

Articoli archiviati

La Schola Armaturarum alla fine degli scavi (1916) vista dall'angolo di Via dell'Abbondanza e Vicolo di Ifigenia (Archivio Fotografico Soprintendenza Pompei)
Schola Armaturarum alla fine degli scavi (1916)

L’edificio posto su Via dell’Abbondanza, all’angolo con il Vicolo di Ifigenia (Regio III, Insula 3, Civico 6), fu oggetto del crollo che il 6 novembre 2010 portò il sito archeologico di Pompei all’attenzione del mondo. Dopo il dissequestro dell’edificio nello scorso mese di dicembre, sono iniziati i lavori di recupero di quello che un tempo fu luogo di riunione di una associazione militare.

Gli interventi attuali consistono nella realizzazione di coperture a protezione delle pareti affrescate originali, ovvero di quelle porzioni di mura che già miracolosamente si salvarono al bombardamento del 1943 e a cui negli anni 1950 seguì il restauro delle parti crollate e il rimpiazzo in cemento armato del soffitto.
Gli interventi di copertura sono propedeutici agli interventi di messa in sicurezza dell’edificio, in attesa di valutare la possibilità di ricostruire in futuro le parti crollate, già non più originali a seguito del bombardamento e ridar così forma e volume idealmente all’edificio.

Leggi tutto...

Parrocchia SS. Salvatore,Via Parrocchia 7, Pompei (Na)
Domenica, 10 gennaio, alle ore 19:30

Ingresso gratuito

Le donne cantano De Andrè

“Le donne cantano De Andrè”. E’ questo il tema presente quest’anno all’ottava edizione della rassegna che Pompei Lab dedica al grande cantautore scomparso l’11 gennaio 1999, con un mini-festival dove le canzoni vengono messe in scena da cinque giovani e affermate cantautrici e interpreti del panorama musicale italiano e soprattutto da associazioni musicali e centri studi, con ragazzi e ragazze cui viene data finalmente la possibilità di interpretare i grandi classici del cantautore genovese. Un’operazione culturale e un esperimento mai fatto prima e che rimette al centro della poetica di Faber l’universo femminile, che per la prima volta si pone come interprete e non solo come figura di ispirazione. Da Marinella a Dolcenera sono passati una ventina di album e circa trent’anni di carriera, in mezzo a questo enorme volume di letteratura cantautoriale che De Andrè ci ha lasciato.

Leggi tutto...

Un grande progetto espositivo per raccontare la suggestione evocata dal sito archeologico di Pompei sugli artisti e nell’immaginario europeo, dall’inizio degli scavi nel 1748 al drammatico bombardamento del 1943.

Fino al 10 gennaio 2016

Paul Delaroche, Fanciulla nuda in un labrum pompeiano, 1843 - 1844 circa, olio su tela, 154 cm x 192 cm, Besançon, Musée des Beaux-Arts et d’Archèologie, photo Charles Choffet
Paul Delaroche, Fanciulla nuda in un labrum pompeiano, 1843 - 1844 circa, olio su tela, 154 cm x 192 cm, Besançon, Musée des Beaux-Arts et d’Archèologie, photo Charles Choffet

Pompei e l’Europa. 1748 – 1943 si snoda in un duplice itinerario, al Museo Archeologico Nazionale di Napoli e in contemporanea all’Anfiteatro di Pompei, e si affianca per importanza e prestigio al programma di eventi previsti per Expo Milano 2015.

Una mostra che evoca la storia della città vesuviana, inesauribile fonte d’ispirazione, in un costante confronto tra il versante delle arti e quello degli scavi; un dialogo fra archeologi, storici dell’arte, dell’architettura e della letteratura, tutti chiamati a raccontare la vicenda unica della riscoperta di Pompei.

Leggi tutto...

Dal 13 al 20 gennaio 2016 sarà temporaneamente sospeso l’accesso alla via dei Teatri (tratto compreso nella Regio VIII, tra le Insule 4 e 5) per consentire la prosecuzione degli interventi del cantiere "Pompei per tutti. Percorsi per l'accessibilità e il superamento delle barriere architettoniche" (GPP N), previsti dal Grande Progetto Pompei.
“Pompei per tutti” consiste in un percorso di visita facilitato che consentirà anche a persone con difficoltà motorie di visitare l’area archeologica attraverso un agevole itinerario turistico che si sviluppa per circa 1,5 km, dall’ingresso di Piazza Anfiteatro al Tempio di Venere, con accesso a diverse domus e edifici importanti del sito. Preliminarmente alla realizzazione dei nuovi percorsi si stanno effettuati scavi archeologici che stanno restituendo utili informazioni relative alla struttura degli antichi marciapiedi, dei portici del Foro e del santuario di Venere.

Fonte SSPES

Fullonica detta di Stephanus (I,6,7)

I sei edifici inaugurati dal premier Matteo Renzi ed il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini con il Grande Progetto Pompei il 24 dicembre 2015 sono:
La Fullonica di Stephanus, una tintoria situata sulla Via dell’Abbondanza, la Casa del Criptoportico, che al momento dell’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. era in ristrutturazione, la Casa di Paquius Proculus, la Casa del Sacerdos Amandus, la Casa di Fabius Amandius e la Casa dell’Efebo, così battezzata per il ritrovamento di un porta lampada in bronzo oggi conservato al Museo archeologico di Napoli.

Leggi tutto...

Pompei Online è un'idea di Tiberio Gracco
P.IVA 05674470652