Pompei Online.net

Pompei - Il Commercio

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Museo Archeologico Nazionale di Napoli (inv. nr. 8598). Da Pompeii, Praedia di Iulia Felix - Quarto quadro con natura morta a decorazione di una parete tripartita di colore rosso e giallo. Su due ripiani figurano gli elementi caratteristici del commercio: sul ripiano superiore una borsa di tela contenente del denaro separa un gruzzolo di monete d'argento e d'oro a sinistra da un altro gruzzolo di monete d'oro a destra; sul piano inferiore figurano un calamaio in bronzo con stiletto, un rotolo di papiro con sigillo, ed infine due tavolette cerate, documenti di transazioni economiche.

"Benvenuto guadagno!": questo è uno dei motti rinvenuti nelle scritte graffiate sui muri della città.
Pompei era una città molto attiva e nel corso del II e del I secolo a.C. si era gradualmente industrializzata. Ogni otto giorni, come nelle località vicine, si teneva il mercato. In principio è probabile che a Pompei il commercio sia stato concentrato nel quartiere che circondava il Foro, ma a partire dal II secolo a.C. l'area commerciale si estese in direzione di Via dell'Abbondanza, trasformata in una successione quasi ininterrotta di negozi e taverne.

L'attività principale dei commercianti di Pompei consisteva nella vendita dei prodotti agricoli. I Vetti, ad esempio, producevano molte qualità di vino, come testimoniano le raffigurazioni pittoriche rinvenute nella loro casa. Nelle taverne cittadine il vino era coservato in grossi orci di terracotta, tenuti a fresco nelle cavità circolari ricavate nel banco di vendita in marmo. Molte taverne erano attrezzate per servire vino caldo, che era una prelibatezza per gli abitanti della città antica. Alcune taverne avevano, oltre al negozio sulla strada, locali sul retro dove i clienti potevano sedersi, mangiare e godere degli spettacoli proposti. La maggior parte dei prodotti consumati nelle locande e nelle botteghe proveniva dai cascinali nei dintorni di Pompei e Stabiae, che fornivano grandi quantità di olio, vino, frutta, verdura e cereali. Nel corso del II secolo a.C. in Campania si era diffusa la coltivazione dell'ulivo che nell'area intorno Pompei aveva acquistato grande importanza. Le macine per le olive, fabbricate con la pietra lavica del Vesuvio, erano capaci di separare la polpa dal seme ed erano formate da due ruote collegate da una traversa di legno che ruotavano su un perno di ferro infisso in una vasca.
Anche i frantoi per macinare il grano erano costruiti in pietra lavica, avevano una pietra cava posta sulla sommità di una seconda pietra. Il grano veniva rovesciato nella cavità della pietra superiore che ruotando costringeva i chicchi di grano a passare tra le due pietre frantumandolo. La roteazione era effettuata mediante due bracci orizzontali in legno, azionati da un asino o dagli schiavi.
Con la farina ricavata veniva prodotto il pane, che nel II secolo a.C. era diventato già di uso generale. Le panetterie erano dotate in genere delle macine, di un ambiente per preparare l'impasto, un forno per la cottura e di un locale per la vendita del prodotto finito. Ulteriore attività commerciale che rivestiva molta importanza a Pompei era quella della lana. I Campani avevano ereditato dai Sanniti una predisposizione alla tessitura della lana che veniva raccolta nei greggi della regione. Una volta portata in città la lana veniva lavata, stirata e tinta. I tessuti ricavati venivano trattati con carbonato di sodio, potassa ed orina umana, che i passanti erano invitati a fornire servendosi di appositi vasi appesi al muro. Dalla lana si ricavava anche il feltro, materiale molto richiesto per la fabbricazione di cappelli, mantelli e coperte era il feltro. Esso era fissato con aceto che, dopo essere stato riscaldato, veniva versato sulla lana da uomini che stavano inpiedi, nudi fino alla cintola, in profonde tinozze. Una volta impregnata ed infeltrita, la lana veniva pressata e lavorata fino ad assumere la consistenza necessaria. Molte attività commerciali erano concentrate nel macellum o mercato alimentare. Si trattava di una vasta area chiusa contenente negozi, cappelle, sale per le aste, cambiavalute, mercato ittico. A Pompei la pesca era molto diffusa come ad Ercolano dove sono stati trovati numerosi attrezzi per la pesca (reti ed ami). Un dipinto portato alla luce a Pompei, in un tempio domestico, riproduce delle barche da pesca che navigano su un fiume (probabilmente si tratta del fiume Sarno, che in molte case era oggetto di culto). Il porto principale da pesca doveva trovarsi alla foce del Sarno, che a quei tempi era distante circa un chilometro dalla Porta di Stabia. Con il pesce pescato veniva prodotto il famoso garum, alimento prelibato per i pompeiani. Altre attività di cui è rimasta testimonianza sono le produzioni di profumi, le coltivazioni di fiori e di aglio. I Pompeiani non soddisfatti dei prodotti locali acquistavano merce di importazione. Le lampade venivano importate dall'Italia settentrionale, mentre il vasellame era acquistato nelle Gallie ed in Spagna. Il vino e l'olio veniva importato dalla Spagna, dalla Sicilia e da Creta.

Pompei: Salta la Coda >>
Mostra il biglietto sul tuo smartphone presso l'entrata Porta Marina e scegli la corsia salta-la-coda

*Pompei: Salta la Coda + Viaggio A/R in Autobus >>
Gita in giornata da Roma a Pompei
*Questo tour è disponibile dal 1º marzo al 30 novembre ogni martedì, giovedì e sabato.

 

Pompei Tickets

Pompei Tickets

Mostra il biglietto sul tuo smartphone e scegli la corsia salta-la-coda.
Show the ticket on your smartphone and take the skip-the-line lane.

Italiano

English

Deutsch

Español

Français

Nederlands

Português

 

Gita in giornata da Roma a Pompei - Day trip back in time - from Rome to Pompeii

Bus Rome - Pompeii + Ticket

SALTA LA CODA + VIAGGIO A/R IN AUTOBUS ROMA-POMPEI 
Tickets for Pompeii: Skip The Line + Bus Roundtrip

Italiano

English

Deutsch

Español

Français

Nederlands

Português

Orari di ingresso agli Scavi di Pompei

Dal 1° novembre al 31 marzo:
Tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 17.00

ultimo ingresso ore 15.30
Dal 1° aprile al 31 ottobre:
Tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 19.30
ultimo ingresso ore 18.00

Orari Pompei >>>

 

Visite guidate Pompei, Ercolano, Napoli...

Prenota una Guida turistica per la tua visita a Pompei.

www.gaiaguide.it - info@gaiaguide.it

Mobile Phone: +39 3351737698  +39 3402709553

Biglietti area archeologica di Pompei

Dal 12 aprile, biglietto integrato scavi e mostre ("Picasso e Napoli: Parade" e "Pompei e i Greci")

 

Pompei singolo
validità 1 giorno
Intero € 13,00 (**) Ridotto € 7,50 (*)

5 siti
Pompei, Ercolano, Oplonti, Stabia, Boscoreale
validità 3 giorni consecutivi
Intero: € 22,00 Ridotto: € 12,00 (*)

(*)Biglietto gratuito: per i Cittadini dell’Unione Europea minori di 18 anni

Biglietteria >>>

Come arrivare a Pompei

In treno
Per l' ingresso a Porta Marina e Piazza Esedra: Circumvesuviana Napoli-Sorrento (fermata Pompei Villa dei Misteri)

Per l' ingresso a Piazza Anfiteatro:
Circumvesuviana Napoli-Poggiomarino (fermata Pompei Santuario)
FS Napoli - Salerno (fermata Pompei)

In autobus:
SITA da Napoli e da Salerno
CSTP n.4 da Salerno
CSTP n 50 da Salerno (celere via autostrada)

In auto:
Autostrada A3 Napoli-Salerno (uscita Pompei ovest)

Arrivare a Pompei >>>